il buon senso scimmiesco

23 ottobre del 2013, manca poco e faccio quasi un anno che, non dico un articolo, ma una figura, una foto, ‘na canzone o qualsiasi altra supidata, tra le tante (troppe) che circolano in rete.

Non è tanto la questione del tempo, che una ferrea organizzazione di cui sono capace mi permette sempre di trovarlo. Ma si tratta di qualcos’altro, diciamo di una questione “etica” ( se questa parola non risuonasse troppo enfatica) o meglio di principio.

Perché mai una passione deve necessariamente diventare un blog? Leggo libri, guardo film, ascolto musica, vado in bici e in montagna, ma di ciascuna di queste attività non faccio un blog. Per passione e per lavoro mi trovo a dover leggere molto materiale scientifico. Devo farne un blog? Ok, se fossi schizofrenico potrei obiettare davanti allo specchio: “ma prima questi dubbi non ti venivano”? Ehm! Sì. Però mi sembrava divertente. Però.

La “colpa” è della Bencivelli. Nel senso che a me piace molto come scrive e mi piace molto le cose che dice perché le condiviso. Sono in sintonia con le cose come le vedo. Cioè mi sento affine. 

Fatto sta che trovandomi d’accordo con le sue “filippiche” sul blog e sul libro “Cosa intendi per Domenica?” in materia di lavoro mi sono chiesto: “ma a me chi me lo fa fare” un blog che poi neanche scrivo di professione?. Diciamo che rientra nel novero degli hobby, la scrittura intendo. E come ogni hobbista che si rispetti miri anche alle soddisfazioni, vuoi superarti, migliorarti. Comunque tenere un diario sul web non è obbligatorio e se proprio mi piace scrivere posso continuarlo a fare sui quaderni, quelli belli, artigianali. 

Il colpo devo ammettere che lo ha assestato questo post di Silvia Bencivelli. Soprattutto mi sono sentito in colpa per il punto Quarto. Ma che c’entra? Beh! la piccola visibilità con AgoraVox nel suo piccolo partecipa a quel sistema che giustamente la Bencivelli denuncia. 

E quindi? Qual’è la conseguenza di ciò? Che chiunque abbia una passione non può coltivarla e non può sentirsi gratificato dalla sua più o meno abilità in un ambito “free”? In poche parole: devo smettere solo perché mi sento in colpa se sottraggo anche un minimo, rafforzando l’idea che delle cose “aggratise” si possono trovare in rete? Beh, in parte lo credo. Nel senso che il tarlo sta lì e continua a scavare.

Quindi tra una faccenda e un’altra, ho pensato di tanto in tanto a questo Pianeta. In fondo ci sono affezionato e mi diverte il tono scanzonato. Ma è pur vero che per diletto posso spendere il mio tempo anche in tante altre occasioni e attività facendo molto meno danno al prossimo. Andare in bici, gli scout, leggere e scrivere privatamente. In fondo trovo molto più importante essere attento al mio prossimo in queste cose che dare importanza agli obblighi morali di eco-equi-veg .

Rimane però l’affetto per qualcosa che mi piace, ma devo aggiungere che scrivere di scienza anche solo per passione, anche se in maniera scanzonata e nei ritagli di tempo non è uno scherzo. E’ molto alto il livello e il rigore richiesto. Le verifiche sono più stringenti e, per questo, più educative nei confronti del resto (alla fine è un principio che applichi a tutto il resto e allora non ti accontenti più della “opinione” del giornalista che ti piace tanto, ma t’interessano solo i fatti, t’interessa essere solo curioso).

Quindi? Beh! per ora non lo chiudo e rimane qui a disposizione. Alcune cose mi sembrano davvero ben fatte. In futuro si vedrà, intanto per fortuna mi butto nella concorrenza per un progetto che devo portare avanti e quindi niente anticipazioni, le cose vanno mostrate quando sono concluse. In questo c’è un po’ di vecchia maniera. Ma d’altronde non mi piace tutto il nuovo, come non mi piace tutto il vecchio. La sfida è quella di sapersi tenere e scegliere via via le cose più utili, più belle, più sincere.

In parole povere, per ora il Pianeta rimarrà in vita anche con nuovi post, ma di minor pretese e semmai scegliendo il lato comico e surreale di certe carampane eco-equo e di eccessivi entusiasmi techno-nerd affinché possa essere divertente come passatempo di lettura o magari risultare utile a chi cerca materiali già verificati di questa “schiatta” … 

 

Questa voce è stata pubblicata in VARIE. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...