dancing friday

Illustrazione per the New Yorker di Kyle T. Webster (Ghostland Observatory performing in Brooklyn).

Illustrazione per the New Yorker di Kyle T. Webster (Ghostland Observatory performing in Brooklyn).

Ok, non mi faccio vivo da un pezzo. Ma volendo fare le cose per bene ho messo in cantiere almeno 3 post molto difficili: perché necessitano di ricerche approfondite e incrociate, di editing e di testi molto lunghi da tradurre. E miei cari, il tempo dicono sia tiranno (oh! come è vero). Quindi capita che tra i due lavori da portare avanti, i tre figli, le routine domestiche che chiamo (prestito di un vecchio libro amato di Clara Sereni) casalinghitudine e poi l’anno Scout che sta per iniziare … insomma capita di essere ingolfati se non distrutti dalla stanchezza. Finché si tratta di scrivere un’opinione è semplice, ma se ci mettete un ragionamento articolato e un racconto sulle cose di scienza allora il tempo è davvero tiranno. Ma finiamola qui. Anche perché non vorrei lamentarmi troppo in questo periodo che sono felice, svagato come un uccellino appena saltato dal nido e riscopro energie fisiche che non sospettavo avere. Quindi bici e corsa mi accompagnano e tanta musica, molta meno musica classica che confino in certe serate solitarie o mattine fatte di scrittura e calcolo.

E tanta allegria electronica, ma non solo. E condivido questo con amicizie preziose costruite da lente frequentazioni che i bloggers sanno che accadono. Ci si scopre, ci si legge, si fa amicizia, ci si rende esimpatici e non mi sottraggo alla consuetudine. Così dalla reciproca frequentazione tra Calamari e Scimmie nasce un’amicizia e una simpatia accattivante, fatta di niente. Quindi di molto, quasi tutto! E che succede tra amici? di questi tempi? che si vive in città diverse e senza saperlo? Che ti scopri ballerino solo perché a tanti impegni, lavori, famiglia, tran tran metropolitano, notizie, drammi il venerdì ascolti musica, la condividi e la tua amica di cui conosci poco, ma l’essenziale balla sul terrazzo. Qui la giornata è piena di sole, l’energia scorre dopo una mattina in bici e in giro come un pericoloso urban biker e la musica di conseguenza si fa sentire, la mia amica pure ascolta la sua e allora ce la scambiano, la condividiamo e festeggiamo la nostra leggerezza: senza  vederci, senza ascoltarci, ma elettricamente e biologicamente vivi ed empatici.

E così abbiamo deciso di condividere le nostre playlist e sincronizzare la pubblicazione. Non è scienza, ma c’è tanta tecnologia anche in una condivisione amichevole.

Che il Party abbia inizio, benvenuti con la musica su i CALAMARI:

E la mia per questo fine settimana: playlist

2 pensieri su “dancing friday

  1. Ah! Ah! Buona fine settimana…😀

  2. Pingback: Dancing friday | iCalamari

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...